Prossimi eventi



Bruno Tognolini, Rime Vitamine

ore 18.00/20.00 Cortile del Broletto 

Bruno Tognolini incontra  genitori, educatori, insegnanti, bibliotecari, librai, lettori volontari, animatori, e altro vario popolo della letteratura per l'infanzia.. 

 

?In questi incontri, l'autore racconta i suoi libri, l'avventura e il mestiere di scriverli, i trucchi e le maestrie dello scrittore e quelli, speculari, del lettore. Ma nel farlo, fra le righe, scorre anche un racconto di vita, una riflessione sui destini dei talenti e dei mestieri, sui sogni e sulle opportunità, sulle vie che si possono prendere diventando adulti.

 

Uso e manutenzione della poesia nella vita dei bambini e di tutti    

??Poesie  e filastrocche sono principi attivi antichi, che entrano in campo (in canto) nella nostra vita quando c’è da dire o capire qualcosa di speciale. Una passeggiata, ricca e sonante d’esempi, nell’antica funzione nutriente che poesie e filastrocche svolgono nella nostra vita.??Le prime parole che un umano sente nella sua vita son sillabate in fonemi ritmici, ripetitivi, e poco più tardi articolate in filastrocche appena più complesse, le cosiddette "rime di culla". Crescendo, i bambini accompagnano i loro giochi con filastrocche battenti e fantasiose, che affaticano la lingua in giochi ed esperimenti neologistici, e soprattutto danno il tempo per iniziare il gioco, partire nella corsa, contare chi esce e chi sta dentro, battere le mani in acrobatici giochi di riscontro. Crescendo ancora a molti giovani accade di partecipare a manifestazioni politiche scandendo le loro proteste in "slogan", che altro non sono che filastrocche, discorsi in rima e metro. Altri slogan troviamo nella pubblicità, rime e metro nelle formule scaramantiche, nelle preghiere e nelle litanie. Con una larga dotazione di esempi in testo, immagine e audio, l'incontro guida il pubblico attraverso questa escursione nelle forme applicate della filastrocca alla nostra vita quotidiana. 

Poi vira verso la produzione personale dell'autore, con un ricco ventaglio di forme di "poesia scappata dai libri" per approdare nei programmi televisivi, negli spettacoli, sui muri dei condomini, dei reparti pediatrici, e giù fino alle magliette dei festival e alle merendine della Coop.